Fibromialgia, alla base del problema c’è anche uno squilibrio microbico?

Le persone con fibromialgia hanno un microbioma diverso dai soggetti senza questa malattia. E’ quanto mostra uno studio pubblicato su Pain.

Le persone con fibromialgia hanno un microbioma diverso dai soggetti senza questa malattia. E’ quanto mostra uno studio pubblicato su Pain.

“L’abbondanza di alcune di queste specie batteriche è correlata alla gravità dei sintomi della fibromialgia: dolore, affaticamento, sintomi cognitivi e disturbi del sonno”, ha affermato il primo autore Amir Minerbi, ricercatore presso la Alan Edwards Pain Managment Unit del McGill University Health Center, a Montreal
Gli algoritmi di intelligenza artificiale potrebbero distinguere automaticamente i pazienti dai controlli, basandosi solo sulla composizione del loro microbioma intestinale.
“La dimostrazione di risultati oggettivi che separano i pazienti affetti da fibromialgia da controlli sani fornisce prove convincenti che la fibromialgia è una vera sindrome. Questa è la prima dimostrazione dell’alterazione del microbioma intestinale nel dolore non viscerale “, ha evidenziato Minerbi.

Lo studio ha incluso 77 donne con fibromialgia e 79 controlli sani. Un medico del dolore ha verificato la diagnosi di ciascun partecipante e ciascuno è stato accuratamente caratterizzato, comprese le abitudini alimentari, le caratteristiche demografiche, le comorbilità e i farmaci.
E’ stato analizzato il DNA batterico contenuto nei campioni di feci di ciascuno dei partecipanti e campioni di sangue sono stati analizzati per i metaboliti derivati da batteri.

I ricercatori hanno utilizzato algoritmi computazionali avanzati per esaminare le differenze nei microbiomi tra pazienti e controlli, nonché le possibilità di interazioni tra variabili potenzialmente confuse, tra cui farmaci, dieta e attività fisica.
Il coautore Emmanuel Gonzalez, specialista in bioinformatica presso il Montreal Node del Canadian Centre for Computational Genomics, ha usato algoritmi di intelligenza artificiale per distinguere i pazienti dai controlli basati solo sulla composizione dei loro microbiomi. Lo hanno fatto con precisione l’87% delle volte.

“La varianza nella composizione dei microbiomi è stata spiegata dalle variabili correlate alla fibromialgia più che da qualsiasi altra variabile innata o ambientale”, hanno precisato i ricercatori nel lavoro.
Inoltre, tale varianza è stata “correlata con gli indici clinici della fibromialgia in linea con l’alterazione osservata nelle specie metaboliche del butirrato, l’analisi mirata dei metaboliti sierici, le differenze verificate nei livelli sierici di butirrato e propionato nei pazienti con fibromialgia”, hanno osservato i ricercatori.

Rajat Bhatt, reumatologo del Prime Rheumatology, a Richmond e Pearland, Texas, ha affermato che la ricerca non spiega alcuni fenomeni ad esempio di pazienti fibromialgia che viaggiano all’estero che dovrebbero avere un cambiamento nel microbioma intestinale che dovrebbe modificare i sintomi del paziente. Inoltre, ha evidenziato che quando i pazienti con fibromialgia subiscono una colectomia, per ragioni non correlate alla fibromialgia, la malattia non è né risolta né alterata.

Il Dr. Minerbi ha risposto a tali interrogativi sottolineando che dei 1.620 batteri diversi trovati nell’intestino dei partecipanti allo studio, solo 72 sono stati significativamente modificati in soggetti con fibromialgia, circa il 4,5% di tutti i taxa batterici. Di questi, alcuni sono stati trovati aumentati e altri diminuiti. È quindi improbabile che interventi non specifici come la colectomia o i viaggi all’estero possano avere un effetto specifico sull’abbondanza di questi batteri. ”

“La fibromialgia è una condizione eterogenea, nel senso che ci sono differenze intrinseche in chi la sviluppa e come/perché si sviluppa”, ha precisato Andrea L. Nicol, assistente professore di anestesiologia presso la School of Medicine di Lawrence dell’Università del Kansas .

“Tuttavia, non è esattamente chiaro se le differenze individuali sono spiegate nei risultati”, ha aggiunto il dott. Nicol. “Nonostante queste limitazioni, il loro approccio e i dati sono altamente originali e danno credito alla necessità di ulteriori indagini in questo settore.”

Gli autori hanno affermato che l’ipotesi che le alterazioni del microbioma possano influire sull’elaborazione e sulla percezione del dolore è stata supportata da numerosi studi sugli animali che mostrano che il microbiota intestinale svolge un ruolo importante nello sviluppo del dolore viscerale del dolore neuropatico indotto dalla chemioterapia e della tolleranza agli oppioidi “.

Studi sull’uomo hanno mostrato “alterazioni costanti nei soggetti con sindrome dell’intestino irritabile (IBS) e nei pazienti che soffrono di dolore pelvico disfunzionale cronico. Allo stesso modo, i pazienti con sindrome da affaticamento cronico (CFS), che condividono alcune caratteristiche sintomatiche con la fibromialgia, hanno mostrato di avere alterato il profilo del microbioma e del metabolomico intestinale”. Inoltre, sono state riportate alterazioni del microbioma in diverse malattie reumatologiche..

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *