Fibromialgia, il sonno poco ristoratore è collegato a dolore nell’arco di tutta la giornata

Il sonno poco ristoratore è uno dei tanti problemi che possono affliggere i pazienti con fibromialgia. Chi presenta questo sintomo ha anche livelli più elevati di interferenza nell’attività la mattina successiva che si propaga durante l’intera giornata. E’ quanto mostrano i risultati di uno studio pubblicato sul Journal of Pain.

Il sonno poco ristoratore è uno dei tanti problemi che possono affliggere i pazienti con fibromialgia. Chi presenta questo sintomo ha anche livelli più elevati di interferenza nell’attività la mattina successiva che si propaga durante l’intera giornata. E’ quanto mostrano i risultati di uno studio pubblicato sul Journal of Pain.

Sebbene vi sia un’associazione riconosciuta nella fibromialgia (FM) tra il sonno non ristoratore, che è un segno distintivo del disturbo e l’interferenza dell’attività, e la malattia, i meccanismi alla base di questa relazione rimangono poco chiari.

In questa analisi secondaria di uno studio clinico randomizzato in cui sono stati arruolati 220 pazienti con FM tra il 2008 e il 2013 (età, 18-72 anni; età media, 51,25 anni; 87,0% donne; 78,0% bianco), ai partecipanti è stato chiesto di compilare pacchetti di questionari sulla salute e diari 4 volte al giorno nei successivi 21 giorni, usando un telefono cellulare (mattina presto, ore 11, ore 16 e ora di andare a letto).

Nella prima telefonata, agli intervistati veniva chiesto di valutare la qualità del sonno della notte precedente su una scala da 0 a 100; durante la chiamata alle 11, veniva domandato loro di valutare i loro livelli di dolore mattutino, usando una scala da 1 a 5; durante la chiamata alle 16:00, serviva per valutare il loro livello di dolore recente medio su una scala da 0 a 100; e durante la chiamata di fine giornata, veniva eseguita una valutazione di diversi aspetti della funzione fisica usando una scala da 1 a 3 (no, forse, sì).

I ricercatori hanno evidenziato un tasso di completamento complessivo dell’82% nei diari giornalieri. I coefficienti di correlazione intraclasse variavano da 0,30 per il sonno non ristoratore a 0,51 per la gravità del dolore, con correlazioni significative nelle direzioni previste.

Sebbene livelli più elevati di sonno non ristoratore durante la notte precedente siano stati associati a un maggiore peggioramento netto del dolore mattutino (p<0.001), non è stato trovato che il sonno scarso può prevedere la gravità del dolore pomeridiano dopo aver controllato il dolore al mattino (p=0.12).

Quando si riusciva a controllare il sonno non ristoratore e la gravità del dolore mattutino, il peggioramento del dolore mattutino era correlato con la gravità del dolore pomeridiano (p<0.001) e interferiva con le attività successive, indipendentemente dal sonno non ristoratore e gravità pomeridiana (p<0.001).

La maggiore gravità del dolore pomeridiano era collegata a livelli più elevati di interferenza nell’attività di fine giornata, indipendentemente dal sonno non ristoratore precedente o dall’eccessivo dolore mattutino (p<0.001).
Infine, dopo aver controllato il dolore mattutino e la gravità pomeridiana, si è scoperto che il sonno non ristoratore è un fattore predittivo di interferenza sulle attività di fine giornata (p<0.01).

L’ipotesi di mediazione sequenziale a 3 percorsi, in cui il sonno non ristoratore nella notte precedente sarebbe associato a peggioramento netto del dolore al mattino, che a sua volta aumenta la gravità del dolore pomeridiano, che causa interferenze nell’attività tardiva, è stata confermata nel test di significatività articolare.

I punti di forza dello studio includono un esame approfondito del modello di processo infragiornaliero, una grande dimensione del campione, solide metodologie statistiche, valutazioni multiple giornaliere e buoni tassi di completamento del diario.

Le limitazioni dello studio includono la sola valutazione del sonno non ristoratore, la valutazione del peggioramento del dolore utilizzando un singolo diario, piccole dimensioni complessive.

Come hanno concluso gli autori: “Un intervento mirato all’attenuazione del sonno non ristoratore e alla diminuzione del dolore può aiutare a migliorare il funzionamento fisico quotidiano di questa popolazione”.

Mun CJ et al., Linking non-restorative sleep and activity interference through pain catastrophizing and pain severity: An intra-day process model among individuals with fibromyalgia…

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *